Perché “viviamo” sui social network: 6 motivi

Oggi le persone trascorrono in media 7 ore al giorno. A volte è persino difficile per noi staccarci dai gadget per andare a mangiare o andare a letto in tempo. Ciò che ci manca nella vita reale, il che ci fa “congelare” nei social network?

1. Interesse e allevamento di autostima

Il motivo principale per cui non possiamo staccarci dai social network è l’interesse. Siamo interessati a osservare ciò che sta accadendo nella vita delle altre persone, impara le notizie e chi vive. Le frequenze notificano la vita agli altri e danno feedback dal mondo sulla nostra vita.

Se una persona vede che altre persone sono riuscite a qualcosa, può turbarlo. Tendiamo a confrontarci con gli altri, determinando il nostro livello sociale nell’aspetto e nel successo e spesso sperimentiamo dolore e delusione da questi confronti

.

Quando la nostra autostima ha bisogno di un supporto esterno, collassa da confronti non a nostro favore. O, al contrario, rafforza quando deprezzamo gli altri. In effetti, la sana autostima non può essere costruita sulla sensazione che siamo “migliori” o “peggio” da qualcuno: dovrebbe essere basato sulla consapevolezza del nostro valore. Vale la pena confrontarti solo con te stesso.

2. Flotta dalla verità

È sempre spaventoso affrontare la verità. Molti hanno paura della vita reale con le sue difficoltà. E su Internet puoi dimostrare esclusivamente una parte “frontale” della tua vita, creare un’immagine immaginaria e viverla. Questo è una specie di gioco virtuale, in cui una persona è completamente diversa – il modo in cui vuole essere.

Il fallimento personale rimane nascosto agli occhi degli altri, e quindi possiamo evitare la colpa e la vergogna per la nostra vita “senza successo”. Oggi è “vergognoso” per non avere successo. Vogliamo scappare da questa spiacevole sensazione, e quindi nei social network creiamo l’illusione del successo. Ma in effetti stiamo ingannando non gli altri, ma noi stessi. Ognuno di noi è già buono così com’è, ed è così che merita amore e rispetto.

3. Indugio

Appeso su Internet crea l’illusione dell’attività. Sembra che io abbia letto qualcosa di interessante, ho ascoltato qualcosa, “output” e non hai più bisogno di caricarti. L’escrustrazione è anche una forma di protezione: i passi reali che portano a cambiamenti nella vita sono spaventosi, quindi una persona non li fa o li sostituisce con un’altra attività. La paura del fallimento ci impedisce di spostarci verso qualcosa di nuovo. Da qui segue la paura più grave: la paura della vita.

Forse è ora di incontrare questo faccia a faccia? Quali difficoltà richiedono una soluzione? Forse sei preoccupato per un lavoro non amato? O un marito con cui non c’è nulla in comune, l’atmosfera terribile in famiglia è costretta a preoccuparsi. Scheriamo spesso da problemi, invece di affrontarli. Ma avendo solo cessato di farlo, troviamo la possibilità di iniziare una nuova vita. Le persone hanno perso anni, nascondendosi dai problemi dietro lo schermo del gadget e perdendo molte capacità.

4. Sociofobia

Le persone solitarie cercano spesso di convincersi che non hanno bisogno di un partner, ma a cuore molti vogliono contatti calorosi, veri amici e supportando i propri cari. Possono coprire il desiderio, una sensazione di inutile e abbandono. Ma la paura, la paura di incontrare il rifiuto, il risentimento, l’aggressività di un’altra persona in realtà porta al fatto che una persona evita la comunicazione vivente.

Se noti che ti succede qualcosa di simile, dovresti rivolgerti a uno psicologo e smettere di rovinare la tua vita. Questo problema ha una soluzione, ma molti non considerano necessario cercarlo. Dopotutto, su Internet puoi essere qualsiasi cosa, dì qualsiasi cosa, nasconderti dietro un avatar. Oggi sempre più persone entrano nella comunicazione virtuale, uscendo solo per il pane. Il paradosso è che i social network ci uniscono contemporaneamente e ci disconnettono.

5. Cerca “genitore”

Durante l’infanzia, il bambino non può fare a meno di una madre e la prima volta non si separa da lei. È importante per lui che la mamma guarda come gioca o faccia qualcosa. La sua presenza gli dà la sensazione di essere vivo, esiste in questo mondo. Coloro che non hanno ricevuto l’amore per i genitori durante l’infanzia stanno successivamente cercando di trovarla in altre persone.

I social network in cui puoi vivere gli eventi della tua vita in vista di molte persone aiutano a sentire: lo sono, esiste!

“Mi piace”, commenti, attenzione – e una persona ha la sensazione di aver bisogno di lui e di amare. E poi subordina la sua vita alla ricerca di contenuti, che causerà una risposta, un’attenzione o persino uno scandalo dai “genitori”.

6. Narcisismo

Una persona che si considera il meglio e sminuisce gli altri, in realtà vive con una ferita spirituale. Per sentirsi a proprio agio, ha bisogno di amore e ammirazione universali. Ma questa fame interiore non può essere soddisfatta. Narcissus sta cercando di essere il migliore, più intelligente di chiunque altro, il bello di tutti – e sicuramente dimostrarlo agli altri, per recuperare la loro ammirazione e il loro riconoscimento.

Ci sono molte ragioni per trascorrere del tempo su Internet e i social network, ma non puoi sostituire il contatto in diretta con qualsiasi cosa. Dopotutto, l’uomo è un essere sociale, dobbiamo incontrare personalmente gli altri, abbracciare, parlare, sorridere, perché la qualità della comunicazione determina in gran parte la qualità della vita.

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *